Scuola di Formazione SIED

 

1. LA SQUADRA

Il CDN SIED ha nominato il gruppo di coordinamento della nuova Scuola di Formazione SIED che è così costituito:

Coordinatore
G. Galloro - Napoli
giuseppe.galloro@unina.it

Componenti

Prof. C. Calabrese - (Bologna)

Dott. F. Catalano - (Verona)

Dott. D. Catarella - (Catania)

Dott. L. De Luca - (Pesaro)

Dott. A. Parodi - (Genova)

La volontà è stata quella di mettere insieme una squadra di Colleghi motivati e dinamici, di differente età, esperienza e provenienza lavorativa (università, ospedale, IRCCS, strutture private) in modo da poter avere al suo interno punti di vista differenti che contribuiscano alla costituzione di un programma formativo il più differenziato ed ampio possibile.
Nel dettaglio, mentre tutti i componenti del gruppo lavoreranno all’allestimento del programma di formazione, due unità avranno dei compiti dedicati specifici: 

  • una sarà dedicata all’allestimento del programma del Learning Center (LC) che si svolgerà, come parte integrante del programma di formazione SIED, in seno al Corso Nazionale SIED;
  • un’altra sarà dedicata al raccordo con la redazione del portale, la quale ospiterà un nuovo canale tematico denominato WEBINAR attraverso il quale si svolgeranno i corsi di I livello via web.


2. STRUTTURA DEL PROGRAMMA

2.1 Obiettivi della formazione SIED

Il piano di formazione SIED prevede un percorso articolato che, attraverso diversi tipi di corsi, si prefigge l’obiettivo di far acquisire ai suoi Soci informazioni, contenuti, metodologie e tecniche utili a migliorare il proprio profilo culturale e professionale. La proposta prevede un’offerta formativa ampia e differenziata per:

  • livelli di difficoltà e approfondimento degli argomenti, che vada di pari passo con la preparazione dei partecipanti;
  • argomenti dei corsi, che saranno clinico-endoscopici o di respiro metodologico-e scientifico (es: come preparare una comunicazione o un poster, come scrivere un lavoro scientifico, come organizzare un progetto di ricerca, come editare fotografie o video per fini scientifici etc.);
  • tipologia didattica dei corsi stessi (FAD via web, didattica frontale, hands-on con simulatori o manichini con visceri suini, osservazione diretta in sala endoscopica, esercitazioni pratico-operative in sala endoscopica su animale vivente).


2.2 Tipologia dei corsi

Corsi di argomento endoscopico clinico/tecnico

  • corsi di I livello puramente teorici, si svolgeranno attraverso WEBINAR e verteranno su classificazioni e scoring ed altri argomenti di interesse endoscopico;
  • corsi di II livello teorico-pratici, caratterizzati da didattica frontale ed esercitazioni hands-on su manichini con visceri suini, e verteranno principalmente su argomenti operativi (PEG, polipectomia, stenting, EMR, ESD, tecniche di emostasi etc);
  • corsi di III livello pratici, in sala endoscopica con tutor esperti, verteranno principalmente su argomenti operativi (PEG, polipectomia, stenting, EMR, ESD, tecniche di emostasi etc); e saranno di 2 tipi:
  1.  si parteciperà all’attività in sala endoscopica da osservatore
  2.  si parteciperà all’attività in sala endoscopica da operatore, sempre affiancati da tutor esperti, operando animali viventi da stabulario; questo tipo di corso si svolgerà presso strutture in grado di stipulare convenzioni con centri di di chirurgia sperimentale

Altri corsi di argomento non endoscopico ma utili per il Socio SIED verteranno su argomenti vari (es: come preparare una comunicazione o un poster, come effettuare una ricerca bibliografica, come svolgere una Cochrane review, come scrivere un lavoro scientifico, come organizzare un progetto di ricerca, come editare fotografie o video per fini scientifici etc.) e saranno di due tipi

  • via web attraverso WEBINAR
  • teorico-pratici con didattica frontale + esercitazioni pratiche con esperti

 

2.3 Integrazione con la Commissione Scientifica

Il piano di lavoro della Scuola di Formazione SIED si integrerà, in alcun punti, con quello della Commissione Scientifica laddove gli argomenti trattati dai corsi lo  richiedano. E’ quello che avverrà ad esempio con il TTT (Train The Trainer), programma educazionale di formazione alla didattica e al training che sarà portato avanti dai due gruppi di lavoro. 

 

3. SCELTA DEI FORMATORI (FS) E DEI CENTRI DI FORMAZIONE SIED (CFS)

3.1 Criteri generali

La nostra proposta è quella di organizzare una adeguata offerta formativa coinvolgendo un ampio numero di Soci SIED e Centri di endoscopia che possano erogare formazione per conto di SIED.
Saranno stabiliti una serie di requisiti professionali (assistenziali e scientificoculturali) e strutturali (strutture, infrastutture ed attrezzature) sulla scorta dei quali i Soci SIED ed i centri presso cui lavorano possano auto-candidarsi ad ospitare eventi formativi SIED, diventando così rispettivamente Formatori SIED (FS) e Centri di Formazione SIED (CFS).
Le candidature andranno avanzate al CDN e vagliate dai CDR i quali, sulla scorta di una più capillare conoscenza delle realtà locali, verificheranno la sussistenza effettiva dei requisiti richiesti e se ne faranno garanti presso il CDN.


3.2 Requisiti professionali richiesti ai Soci

1. Essere in regola con il pagamento delle quote associative.
2. Possedere esperienza comprovata nell'argomento in cui si avanza la  candidatura ad organizzare un corso, esperienza attestata da:

  • casistiche certificate dalla propria Direzione Sanitaria;
  • almeno 3 lavori scientifici pubblicati su riviste peer-reviewed (verificate su  Scopus o PubMed) inerenti l'argomento del corso per il quale ci si  autocandida;

3. aver già avuto esperienza di docente o tutor a corsi o congressi SIED;
4. aver ottenuto l'attestato di partecipazione al TTT SIED Italia;
5. operare in strutture accreditate a livello nazionale ed europeo ad erogare formazione.

Sarà sufficiente essere in possesso di almeno 3 dei suddetti requisiti.

 

3.3 Requisiti strutturali richiesti ai centri

Requisiti richiesti per corsi teorico-pratici hands on con manichini e visceri  animali
1. aula completa di audio-visivi, da usare gratuitamente;
2. almeno 2 sale endoscopiche (una dedicata al corso, l'altra all'attività endoscopica di routine/emergenza della struttura, che non va interrotta dall'attività di formazione);
3. sala di disinfezione/sterilizzazione dedicata;
4. strumentazione endoscopica dedicata al training su simulatori e modelli animali (alternativamente fornibile da SIED);
5. personale medico e infermieristico dedicato all'endoscopia.

Requisiti richiesti per corsi teorico-pratici in sala endoscopica
1. aula completa di audio-visivi, da usare gratuitamente;
2. almeno 2 sale endoscopiche (una dedicata al corso, l'altra all'attività endoscopica di routine/emergenza della struttura, che non va interrotta dall'attività di formazione);
3. sala di disinfezione/sterilizzazione dedicata;
4. attrezzature endoscopiche di recente generazione;
5. personale medico e infermieristico dedicato all'endoscopia.

Requisiti richiesti per corsi teorico-pratici su animali vivi
1. convenzione con strutture atte alla stabulazione/trattamento di medi/grandi
2. mammiferi (preferibilmente suini);
3. strumentazione endoscopica dedicata al training su simulatori e modelli animali e su animali viventi (alternativamente fornibile da SIED);
4. aula completa di audio-visivi, da usare gratuitamente.

Sarà necessario il rispetto di tutti i suddetti requisiti.

Indipendentemente delle autocandidature, che si spera perverranno numerose,  la Scuola di Formazione ed il CDN si riservano di coinvolgere nelle attività formative SIED tutti quei Soci e centri di endoscopia che posseggono le capacità, i requisiti culturali, scientifici e strutturali che li rendano atti ad erogare formazione.
I Soci interessati devono spedire via e-mail domanda corredata di CV, documentazione ed attestazioni richieste (sopra elencate), specificando l'argomento per cui intendono autocandidarsi, a:

 

4. CERTIFICAZIONE DELLA FORMAZIONE

I Soci che svolgeranno il suddetto programma vedranno certificata la propria attività di formazione attraverso l’erogazione, da parte di SIED, di attestati che certifichino il percorso formativo eseguito.

 

5. LEARNING CENTER (LC)

La formula organizzativa del LC proposta negli ultimi anni (argomenti predeterminati affidati a tutor esperti ed affrontati con lezioni teoriche introduttive e sessioni di esercitazioni pratiche hands-on su manichini con visceri suini) si è mostrata assolutamente vincente. Il numero di iscritti che hanno partecipato ai LC organizzati a Rimini (FISMAD 2008 - 610 iscritti), a Milano (FISMAD 2008 - 1080 iscritti) a Verona (FISMAD 2009 - 806 iscritti), a Napoli (Corso SIED 2013 – 320 iscritti) dimostra che, se ben organizzato, il LC attira molti Soci.
Il LC, organizzato in seno al Corso Nazionale SIED, diventerà parte integrante del programma di formazione societario.


6. COSTI DELLA FORMAZIONE

Un programma così articolato presenta dei costi sostenuti (produzione, postproduzione e messa in onda dei WEBINAR segreteria organizzativa, logistica e materiale di consumo per i corsi di vario genere) che saranno coperti da contributi non condizionanti di aziende sponsor, per tutto il programma o per singoli di corsi. In tal modo la SIED intende offrire il piano di formazione ai propri Soci in maniera gratuita, almeno per gran parte (WEBINAR, corsi di livello II e IIIa).
I corsi di livello IIIb avranno una quota di iscrizione a carico dei Soci.

 

7. STRATEGIA DI ADVERTISING

Le iniziative di formazione sono molto attese dai Soci, e non solo dai giovani. Le varie attività della Scuola di Formazione saranno ben pubblicizzate fra i Soci attraverso newsletter del portale societario, con adeguato anticipo.